Italia Nostra ha chiesto alla Soprintendenza che sia avviata la istruttoria di verifica dell’interesse culturale dell’edificio comunale “Scuole Carducci” in via Gramsci di Formigine. Un’opera che per misurata eleganza compositiva e rigore formale costituisce un unicum nella edilizia scolastica del novecento razionalista in ambito non solo modenese.

"Dal sito del Comune di Formigine, Documentazione bando concorso di idee ex
Carducci"

Italia Nostra ha chiesto alla Soprintendenza che sia avviata la istruttoria di verifica dell’interesse culturale dell’edificio comunale “Scuole Carducci” in via Gramsci di Formigine. Un’opera che per misurata eleganza compositiva e rigore formale costituisce un unicum nella edilizia scolastica del novecento razionalista in ambito non solo modenese. 1. Già l’Ufficio di tutela, tra settembre e […]

Leggi questo articolo →

San Cesario sul Panaro: Italia Nostra per la tutela del paesaggio agricolo sulla sponda del Canal Torbido.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, con determinazione dell’8 maggio ultimo scorso, ha dato il suo assenso al progetto esecutivo delle opere di urbanizzazione relative al piano particolareggiato “Comparto Albertini”, in territorio di San Cesario sul Panaro, che prevede un vasto intervento edilizio diretto alla realizzazione di 143 unità residenziali su un’area oggi agricola […]

Leggi questo articolo →

Restituire a Modena la sua Soprintendenza: dentro la Galleria Estense.

Galleria_estense_sala_del_seicento_emiliano_02 web

Il ministro per i beni culturali, ne dà conto la stampa nazionale, sta rivedendo l’assetto organizzativo del suo dicastero che oggi registra il distacco dalle soprintendenze (unificate per le distinte materie di archeologia, beni architettonici e beni storico-artistici) di musei e gallerie: la maggior parte di essi assemblati nei così detti poli museali per ambiti […]

Leggi questo articolo →

terremoto-emilia-asta-foto-ospedale-modena

Lodevole la recente decisione di aprire alla città le porte del complesso degli edifici che sono stati per oltre due secoli l’Ospedale Sant’Agostino, l’occasione attesa da quando, esaurita la funzione poco più di dieci anni fa, ne è stata acquistata la proprietà dalla Fondazione Cassa di Risparmio. Oltre il vano di ingresso, dal centrale gran […]

Leggi questo articolo →

L’assessore è irritata: forse nell’ex Ospedale Sant’Agostino la politica non riuscirà a prevalere.

sant'agostino modena-2

Non ha saputo trattenere la sua irritazione l’Assessore relatrice al Consiglio comunale di giovedì scorso quando ha dovuto convenire che questo accordo di programma, monco del progetto architettonico, registra in realtà un nulla di fatto. Ricordiamo che lo speciale procedimento era stato promosso nel giugno 2017 per l’approvazione appunto del progetto definitivo proposto dalla Fondazione […]

Leggi questo articolo →

Ex AMCM: con una dichiarazione alla stampa il Sindaco ha chiuso la questione

Non stupisce il consueto garbo (chi non la pensa così è privo di “normale buon senso”), preoccupa invece la povertà degli argomenti. Il Sindaco non spiega perché sono “menzogne” le motivate contestazioni (non solo) di Italia Nostra che si limita a chiedere il rispetto della disciplina urbanistica che la stessa amministrazione comunale si è data. […]

Leggi questo articolo →

Dall’Ospedale Estense al Polo Sant’Agostino. Un breve ma indispensabile excursus storico.

SAgostino

Verso la variante urbanistica che nega il restauro, ma vuole la radicale ristrutturazione, del complesso del Sant’Agostino (integralmente monumentale). Una forse non inutile lettura per i Consiglieri comunali chiamati a deliberare (e forse non inutile neppure per la Soprintendenza). Dall’Ospedale Estense al Polo Sant’Agostino. Un breve ma indispensabile excursus storico. Nel 1753, su volere del […]

Leggi questo articolo →

Officine Stanguellini addio!

officine Stanguellini stato attuale– Modena, viale Moreali (aprile 2010) 1

Lo ricordano i modenesi. Lo storico Stabilimento Stanguellini, la superstite matrice della celebrata vocazione motoristica della città, era stato da un saggio piano regolatore destinato ad attrezzature collettive. Ma poi un accordo di pianificazione negoziato con il Comune dalla proprietà (indifferente alla gloriosa memoria della famiglia) portò alla variante che sopprime quella destinazione e lì […]

Leggi questo articolo →