Ricomposta l’unità del settecentesco Grande Albergo delle Arti. Integralmente Palazzo dei Musei. Gli istituti culturali – statali e civici – si estendono negli spazi contigui che furono dell’Ospedale Estense. Ma rimane, incompatibile, un presidio sanitario che sottrae a quella funzione oltre 1000 preziosi metri quadrati. Benché l’intervento sia ora limitato al piano terra, già assegnati tutti gli spazi. Neppure un solo metro quadrato alla Biblioteca Estense.

uslestene

Conclusa la stagione del ricovero per anziani nella porzione del vasto edificio retrostante al palazzo dei musei, Italia Nostra allora motivò la incongruenza di convertire a moderni servizi ospedalieri quella porzione che aveva mantenuto integra la struttura settecentesca, con la scala originaria e la monumentale copertura a capriate in legno di quercia (invece sacrificate negli […]

Leggi questo articolo →

L’ira del Sindaco non si addice al suo ruolo istituzionale

sant'agostino

Non si addice a chi sia democraticamente investito di un ruolo istituzionale la reazione irata del Sindaco che degrada a burocrazie ministeriali gli uffici della tutela del patrimonio storico e artistico della nazione, la funzione primaria dell’art.9 della Costituzione. Espressione spregiativa e in contrasto con quel principio fondamentale, mentre non si stenta a leggere sullo sfondo di una […]

Leggi questo articolo →

Il Mercato di via Albinelli è da salvare.

mod-P1140683

Ha tutta l’aria di un pretesto l’addotta risoluzione di “alcune problematiche igienico-sanitarie” (esigenza adeguatamente soddisfatta con l’accurato intervento di fine anni 90 del Novecento), perché in realtà la ragione vera è quella di far spazio a nuove postazioni di ristorante: la ritirata del mercato alimentare di fronte all’avanzata della ristorazione, che non si vorrebbe inarrestabile, […]

Leggi questo articolo →

terremoto-emilia-asta-foto-ospedale-modena

Lodevole la recente decisione di aprire alla città le porte del complesso degli edifici che sono stati per oltre due secoli l’Ospedale Sant’Agostino, l’occasione attesa da quando, esaurita la funzione poco più di dieci anni fa, ne è stata acquistata la proprietà dalla Fondazione Cassa di Risparmio. Oltre il vano di ingresso, dal centrale gran […]

Leggi questo articolo →

Ironia della storia civica. Un abuso edilizio a presidiare la legalità

chioschi 7

Annunciato con soddisfazione dal Sindaco, ha preso vita domenica mattina il “presidio di legalità” dentro il massiccio chiosco di Viale Caduti in Guerra, a vista del Tempio, a ridosso della cancellata dei Giardini Ducali, nello spazio pubblico al fianco dell’ex Cinema Principe. Un edificio in cemento armato, quattro moduli, quattro metri per quattro, il prototipo […]

Leggi questo articolo →

Parco della Rimembranza: i chioschi saranno presto completati secondo il progetto originario, annunciano i concessionari.

chioschi parco rim

Stupisce il silenzio dell’Amministrazione comunale. Sono stati due concessionari dei chioschi ad annunciare la ripresa dei lavori per il completamento delle costruzioni secondo il progetto originario. Si accetta dunque il rischio che il giudizio di appello promosso dalla impugnazione del Pubblico Ministero ribalti la pronuncia di assoluzione e disponga la demolizione. Evenienza non impossibile per […]

Leggi questo articolo →

Quali novità per il Sant’Agostino? Il Sindaco si dichiara soddisfatto: oltre otto mesi di conferenza di servizi per avere il consenso della Provincia (lui la presiede) alla variante urbanistica.

S.Ago

Il Sindaco vanta un primo importante successo. La conferenza di servizi convocata ai primi del luglio 2017 per approvare l’accordo di programma sul progetto di ristrutturazione proposto dalla Fondazione Cassa di Risparmio per il complesso dell’ex Ospedale Sant’Agostino si è trascinata stancamente per oltre otto mesi, frenata dall’insuperato dissenso della Soprintendenza. Finché la conferenza, nell’ultima […]

Leggi questo articolo →

Tra Cinema Principe e cancellata dei Giardini Ducali, l’abusivo prototipo dei chioschi del Parco della Rimembranza non può sopravvivere al fallimento della sua gestione economica.

image

La costruzione saldamente ancorata al suolo con ben otto pilastri in cemento armato nel suolo pubblico, a ridosso della cancellata dei Giardini Ducali, in uno degli angoli più caratteristici della città storica, entro il contenuto slargo nel risvolto del Cinema Principe:  non solo era ed è struttura abusiva, ma è pure priva di ragione economica, […]

Leggi questo articolo →