Duomo di Modena: richiesta di accesso agli atti relativi al restauro

Al Direttore Regionale per i beni architettonici e paesaggistici dell’Emilia – Romagna

Al Soprintendente per i beni architettonici e per il paesaggio delle province di     Bologna, Modena e Reggio Emilia

 

Atto di accesso agli atti

Italia Nostra, associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico artistico e naturale della Nazione, riconosciuta come persona giuridica con DPR. n. 111 del 1958, che svolge attività “di rilevante interesse pubblico” “nel campo della tutela del patrimonio storico artistico e naturale della nazione” (art.1, legge 23 maggio 1980, n.211), nella persona del presidente della sezione modenese della associazione (con sede in Modena, Corso Vittorio Emanuele II, 59, presso l’Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti),

chiede

a norma dell’art.22 della legge 241/1990 (come successivamente modificata) di prendere visione e di estrarre copia dei seguenti documenti amministrativi detenuti da codesta amministrazione:

  1. “Certificati di regolare esecuzione” redatti dal direttore lavori degli interventi di restauro attuati sul Duomo di Modena, sul fianco nord, sulla facciata e infine sul fianco sud e sulle absidi,interventi tutti affidati alla medesima Ditta società Candini di Castelfranco Emilia (con la indicazione delle modalità tecniche di restauro, delle varianti in corso d’opera ed eventuali varianti suppletive, dei tempi relativi e delle sospensioni dei lavori, dei costi relativi al noleggio dei ponteggi);
  2. documento comprovante la qualità di restauratore (a norma dell’art.29, comma 6, del codice dei beni culturali e del paesaggio) della stessa ditta già al tempo del primo affidamento relativo all’intervento sul fianco nord della Cattedrale;
  3. atti relativi alle prescritte gare di appalto quanto agli interventi di cui al punto 1. attuati su committenza pubblica.

La socia dottoressa Giuseppina Tonet è delegata all’esercizio in concreto dell’accesso.

Il presidente della sezione modenese di Italia Nostra.

Giovanni Losavio.

Commenti

commenti