Perdonata la lottizzazione commerciale del Parco della rimembranza (perché è mancata la prova della norma applicabile).

chioschi resto del carlino

La lettura trionfale della sentenza di assoluzione. Attenzione e prudenza. Il Pubblico Ministero ha annunciato l’appello, particolarmente determinato quanto alla assoluzione dubitativa dall’illecito urbanistico. Se l’impugnazione fosse accolta, conseguenza dovuta sarebbe la demolizione dei chioschi, pur se fossero stati nel frattempo completati sul tronco delle opere fermate con il sequestro dei cantieri. E difficilmente potrà passare in appello, noi crediamo, una assoluzione (perché il fatto non sussiste) fondata sulla mancata prova della norma che deve regolare l’intervento edilizio. Come se al giudice fosse data incertezza al riguardo. Mai nella giurisprudenza italiana si era letta l’affermazione di un simile principio (“Nel processo de quo non è stata raggiunta la prova certa di quale fosse la normativa applicabile …”).

Modena, 31 luglio 2017.

Italia Nostra, il direttivo della sezione di Modena.

                                                                                      (fonte foto: Il Resto del Carlino Modena)   

Commenti

commenti