A Castelfranco Emilia incontro di negata tutela e cattiva politica: Amministrazione comunale e Soprintendenza alleate per la distruzione delle Case Operaie.

IMG_20200825_190628469_HDR

25ec4519-c475-454e-aec8-b566f75af7a1

d345faea-3a36-4b34-8fa0-697282bd1b29

Cancellata una“porzione sostanziale del centro storico”, come riconosce il comunicato di inizio dei lavori, primo esempio di edilizia pubblica di inizio 900 nello sviluppo dell’insediamento urbano, per determinazione allora di un Sindaco socialista. Lo scempio contro il precetto costituzionale di tutela del patrimonio storico e artistico e i consolidati principi della moderna urbanistica che esige conservazione e recupero dell’autentico tessuto edilizio dei centri storici. Non era mai accaduto nella civile Emilia Romagna. Un quotidiano nazionale aveva impegnato un’intera pagina (firmava lo storico dell’arte Tomaso Montanari) per motivare le ragioni del doveroso recupero.

Nessuna risposta alla richiesta che Italia Nostra aveva rivolto alla Soprintendenza per la revisione della verifica negativa dell’interesse culturale dello storico insediamento, fondata su un dimostrato errore materiale di identificazione. Senza risposta i documentati appelli al Ministero beni culturali e al Presidente della Regione. L’incontro, non diciamo congiura, di negata tutela e cattiva politica. Non v’è riparazione possibile a questo scempio. Neppure la conferma, imprescindibile, della destinazione dell’area all’edilizia popolare.

Italia Nostra, sezione di Modena

Modena, 25 agosto 2020

IMG_20200825_190617206_HDR

IMG_20200825_193520563_HDR

IMG_20200825_193539694_HDR

Commenti

commenti